Renzi rovescia il tavolo, Mattarella punta subito su Draghi e le mezzecalzette perdono la mangiatoia

 

Una delle tre “mosse” che avevamo auspicato, qualche giorno fa nell’articolo “Le mosse di Mattarella che vorrebbero gli italiani”, c’era anche quella che il presidente Mattarella ha scelto di fare ieri sera: puntare su un governo dei migliori, senza politici.  Dopo aver ricevuto al Quirinale il presidente della Camera Roberto Fico che gli ha riferito del fallimento dell’esplorazione nell’ultimo, estremo tentativo di ricucire lo strappo, e riattaccare i cocci di una maggioranza fatta a pezzi dall’inspiegabile e irresponsabile crisi provocata da Matteo Renzi, il capo dello Stato ha deciso di affidare l’incarico di formare il nuovo governo a Mario Draghi, l’ex presidente della Bce. Una decisione che non ha suscitato entusiasmo tra le forze politiche, perché avrebbero preferito qualunque altra soluzione, meno questa. È vero che da quando aveva lasciato il prestigioso incarico c’è sempre stato qualcuno dei politicanti che non sapendo che dire, tirava in ballo Draghi, diceva che sarebbe stato saggio rivolgersi a Mario Draghi, ma una cosa è dirlo nel caravanserraglio degli studi televisivi, una cosa è che si faccia veramente. Le cosiddette forze politiche avrebbero preferito l’ammucchiata o, cosa più gradita, anche andare alle urne, ma con Giuseppe Conte e il suo governo dimissionario, debolissimo, e quindi in balia degli appetiti dei famelici parlamentari. Sarebbe stata una pacchia tuffarsi su quei 209 miliardi. E, invece, no. Il presidente Mattarella ha spiazzato tutti, anche se era una delle opzioni.  Mentre scrivo, in attesa che Mario Draghi salga al Quirinale per l’incarico, sento le reazioni di alcuni partiti che non sono d’accordo con le scelte del Colle. Non a caso, Sergio Mattarella ha spiegato le tante buone ragioni, gravi e complesse, in una situazione drammatica per la crisi sanitaria, economica, e sociale per cui il Paese non può andare subito alle elezioni e perché non può essere guidato da un governo debole, quale sarebbe stato quello attuale, dimissionario e senza maggioranza parlamentare. Un intervento impeccabile, esemplare, da uomo serio, responsabile, con garbo e sobrietà, ma fermo, che pensa solo ai cittadini, peraltro nel rigoroso rispetto della Costituzione. E poi ha fatto un appello al senso di responsabilità dei partiti perché sostengano il governo che sceglierà Mario Draghi. E qui, come al solito, le cose rischiano di ingarbugliarsi, per la semplice ragione che il senso di responsabilità non c’è tra le forze politiche, come si è visto, per l’ennesima volta, in questi giorni di crisi del governo. Ed è, poi, durissima votare e sostenere colui che, verosimilmente, ci porterà alle elezioni e ora gestirà pure i fondi di Next generation Eu. Con le competenze adeguate e con lungimiranza. Requisiti indispensabili non solo per ottenere tutte quelle risorse ma per impiegarle in modo appropriato per far crescere il Paese. Sapendo distinguere quello che è da considerare, come lo ha chiamato lui stesso, il “debito buono” dal “debito cattivo”. A questo punto è il caso di chiedersi: Draghi otterrà la fiducia? E se sì da parte di quali forze politiche? C’è enorme confusione perché i politici mezzecalzette contrariamente a quel “bene del Paese” che dicono in ogni frase, non hanno alcun interesse per il Paese. La prova, inconfutabile, impietosa, è in queste ore. Tutti i politici avrebbero dovuto, non dico esultare, (come hanno fatto i mercati: Borsa + 2% e spread che precipita a quota 100) ma almeno essere moderatamente contenti per la decisione di affidare il governo di “alto profilo” a chi, per tanti anni, ci ha evitato il naufragio con i soldi della Bce. E, invece, sono incerti, tentennano, spiazzati, beffati, arrabbiati. È chiaro che la fiducia la dovrebbero votare tutti. Per il bene del Paese, appunto. Invece molto dipenderà da come sapranno reagire quando si saranno ripresi dallo shock dell’abile mossa di Mattarella.

                     Fortunato Vinci – www.lidealiberale.com- Agenzia Stampa Italia

 

Commenti

  1. La soluzione “Draghi” mi sembra la soluzione più giusta e fruttifera per le sorti del nostro
    malridotto paese. In tale contesto le forze politiche sono costretti a misurarsi sulle effettive necessità della paese. Sarà questa la sfida che smaschererà la vera natura dei gruppi politici, responsabile, affidabile oppure menefreghista ed inconsapevole oltre che incosciente. Lo scenario che si presenta non ammetterà più ambiguità e/o tatticismi. In tal senso si spiega l’atteggiamento poco entusiasta dei cosiddetti politici. Questa sterzata ci voleva proprio!!

    RispondiElimina

Posta un commento